Economia in Campania: turismo ed agroalimentare i settori di punta

Redazione MondoPMI
0
0

Secondo il rapporto Campania 2014, diffuso da Unionecamere in occasione del 50 anniversario della propria fondazione, sono due i fattori di punta l’economia in Campania può puntare su due fattori che la portano tra le migliori regioni del Sud Italia.

Il turismo e lenogastronomia, infatti, hanno registrato dati positivi, con dati particolarmente confortanti per quanto riguarda l’export, sia nel breve che nel medio periodo.

I risultati ottenuti nel turismo quest’anno sono si dimostrano eccellenti: nel 2013 la Campania ha accolto ben 4,6 milioni di turisti italiani e stranieri, con numero di pernottamenti stimato in 18,4 milioni.

Un risultato veramente incoraggiante e concorrenziale con le realtà turistiche del centro e del nord Italia, che colloca la regione ai primi posti del turismo nel Mezzogiorno.

Le performance migliori in ambito turistico si sono registrate nei mesi estivi, i tassi di occupazione delle camere nei mesi di luglio e agosto scorsi sono stati rispettivamente del 59,1% e del 72,9%: un trend positivo, insomma, che fa ben sperare anche per il 2015.

Tra i settori di punta dell’economia campana troviamo anche la filiera enogastronomica che da sola realizza oltre un quarto dell’intero export regionale. La crescita registrata lo scorso anno è pari al 6%, perfettamente in linea con il trend nazionale.

Dati positivi anche per le PMI che, rispetto all’anno precedente, è cresciuta dello 0,2%: le imprese nate nel 2013 sono state 38.412 contro le 37.476 che invece hanno chiuso i battenti.

Risultati positivi anche per quanto riguarda l’occupazione; a Napoli, i posti di lavoro sono aumentati di 8 mila unità rispetto alla media del 2013.

Benché la strada verso la ripresa sia ancora molto lunga questi dati fanno ben sperare, di fronte alla contrazione economica, infatti, le grandi imprese si sono mostrate capaci di riassorbire limpatto della crisi stessa e procedere verso un rilancio produttivo facendo segnare un aumento del 2% tendenziale nel secondo trimestre del 2014.

[callto]CERCHI CREDITO PER LA TUA IMPRESA?[/callto]