Finanziamenti alle aziende marchigiane che favoriscono il ricambio generazionale

Redazione MondoPMI
0
0

La Regione Marche ha recentemente approvato un piano di sostegno alle piccole e medie imprese che decidono di favorire il ricambio generazionale al proprio interno. L’azienda a gestione familiare è una delle più tipiche della penisola italiana e proprio per questo motivo è opportuno valutare molto attentamente il passaggio di consegne con il “nuovo che avanza”. Spesso in questo tipo di aziende avviene che il titolare coincida con il manager, generando un momento di crisi sulla gestione dell’impresa. L’importante è valutare attentamente i rischi e i benefici dati dal ricambio generazionale al fine di eliminare la minaccia molto diffusa di trovarsi in difficoltà a seguito dell’abdicazione allo scettro aziendale.

La condizione indispensabile per l’accesso ai finanziamenti stanziati dalla Regione, attraverso il fondo europeo, è quella di verificare la presenza di un imprenditore cedente con almeno 65 anni. Allo stesso tempo l’azienda dovrà assumere un manager temporaneo per almeno 12 mesi con il contributo della gestione uscente.

Si tratta di un vero e proprio piano che andrà a contribuire e facilitare il cambio di generazione attraverso il passaggio di proprietà a successori o eredi contemplando anche la possibilità di vendere l’azienda a terzi.

I beneficiari dell’operazione che coinvolge l’intera regione saranno le micro, piccole e medie imprese industriali, artigianali o dei servizi alla produzione.

Tutti i progetti presentati saranno valutati secondo una griglia di criteri stabiliti dal bando di finanziamento alle imprese e le PMI potranno accedervi per un massimo di 1 milione di euro in totale per il piano stanziato.

L’opportunità fornita dalla Regione Marche rappresenta quindi un’occasione di verifica aziendale e di rilancio verso il futuro.