Il Comitato Portuale ha approvato il progetto per lo sviluppo del porto di Trieste

Redazione MondoPMI
0
0

Si è svolta il 29 luglio la seduta del Comitato Portuale che ha dato il via libera al progetto che prevede lo sviluppo delle attività del Porto di Trieste attraverso un investimento di 118 milioni di euro da parte di privati.

Con l’approvazione del progetto presentato da Trieste Marine Terminal Spa verrà dunque potenziato il porto di Trieste, tramite azioni che interesseranno la riorganizzazione e le infrastrutture del terminal del Molo VII che mirano ad un ritorno importante sia in termini economici che di occupazione anche per le PMI del territorio che potrebbero beneficiare del potenziamento dello scalo merci.

Tali interventi saranno funzionali al consolidamento della posizione di Trieste, già primo scalo italiano per volumi complessivi nell’ambito del mercato Centro – Europeo; oltre all’aumento della capacità operativa poiché permetterebbe a due navi di elevate capacità di poter ormeggiare contemporaneamente.

Marina Monassi, presidente dell’ATP, ha dichiarato: ”Questo è il frutto di un lavoro che ha visto la condivisione tra pubblico e privato di una strategia di sviluppo definitivo dello scalo giuliano. Non solo record di traffici ma una strategia volta a far fare a Trieste il definitivo salto di qualità generando economia e occupazione”.

Gli altri interventi previsti riguardano il miglioramento, la messa in sicurezza e la funzionalità del terminal per lo scarico e il trasporto del petrolio greggio, con cinquant’anni di concessione alla Siot (Società italiana per l’oleodotto transalpino Spa).

[callto]CERCHI CREDITO PER LA TUA AZIENDA?[/callto]