Il distretto del mobile imbottito di Matera: tra innovazione e tradizione

Uno dei punti di forza del distretto Murgiano è sicuramente l’export dei propri prodotti: di fatto, esso vanta il 16% della produzione mondiale di salotti in pelle.

Redazione MondoPMI
0
0
Distretto del mobile imbottito

Dagli anni ’60 fino ai giorni nostri, il distretto del mobile imbottito di Matera ha saputo coniugare tradizione e innovazione, secondo un’ottica produttiva endogena e autonoma, esportando nel resto d’Italia e all’estero.

 

Come è organizzato

Il distretto industriale del mobile imbottito di Matera si è sviluppato tra gli anni ’50 e gli anni ’60 grazie alla forza stimolante di un’impresa guida, la Natuzzi, e comprende le province di Matera e Bari.

Tale distretto viene anche definito Murgiano, dal nome dell’area geografica, tra Basilicata e Puglia, dove si è evoluto: più precisamente, esso si estende ai comuni di Materia, Altamura (Ba) e Santeramo in Colle (Ba).

Le imprese che fanno parte del distretto di Matera, operano per lo più nei settori della falegnameria, della tappezzeria, dell’artigianato e della produzione di salotti.

Banca Ifis

 

I dati sul distretto

Nonostante il distretto Murgiano abbia conosciuto il periodo di massima floridità verso la metà degli anni ’90, ad oggi continua a rappresentare un’importante realtà nel territorio del meridione.

Esso è costituito da ben 110 aziende operanti nel settore della falegnameria e della produzione di mobili da salotto, e presenta un fatturato complessivo di 2.000 milioni di euro.

 

Esperienza e Tradizione made in Basilicata

Nel corso degli anni, le imprese legate al distretto di Matera hanno ripreso e implementato le tradizionali tecniche di maglieria, falegnameria e di lavorazione del cuoio; questo ha permesso di coniugare le competenze tramandate di generazione in generazione, con un approccio votato all’innovazione e al miglioramento della qualità dei prodotti.

Un esempio di innovazione nel sistema produttivo, riguarda l’investimento in nuove tecnologie, senza però intaccare la storia e la cultura artigianale del territorio.

 

Esportazione, la forza del distretto

Uno dei punti di forza del distretto Murgiano è sicuramente l’export dei propri prodotti: di fatto, esso vanta il 16% della produzione mondiale di salotti in pelle.

Inoltre, viene esportato in Europa, Nord America, Australia e Medio Oriente l’80% dell’intero fatturato.

L’apertura all’internalizzazione ha permesso al distretto del mobile di affrontare la crisi che, negli ultimi anni, ha colpito l’area di produzione: la sfida principale del distretto Murgiano, sta proprio nel fronteggiare l’aspra concorrenza, proveniente principalmente dai Paesi in via di sviluppo.

 

 

Vorresti sapere di più sui distretti industriali? Leggi il nostro articolo per scoprire maggiori dettagli sui distretti che formano il tessuto produttivo italiano.