Il distretto delle armi leggere del bresciano, tra successi e contestazioni

Redazione MondoPMI
0
0

Gardone Val Trompia è una località in provincia di Brescia famosa in tutto il mondo per essere sede della più importante manifattura italiana delle armi da fuoco leggere. L’industria è presente anche nei settori metallurgico, siderurgico, meccanico (attrezzi e macchine per l’agricoltura) e, a livello artigianale, in quello della riproduzione di armi antiche.

Qui, in quello che viene definito il distretto delle fabbriche di armi, dove viene realizzato il 50% circa del fatturato nazionale di settore. A Gardone, infatti, ha sede la Beretta, che rappresenta uno dei campioni del Made in Italy dell’industria armiera civile. Le armi prodotte dall’azienda – che sviluppa un fatturato attorno a 150 milioni di euro – sono in dotazione alle Forze armate e alle Forze di Polizia italiane e di innumerevoli altri paesi.

Come nel caso d moltissimi altri distretti, quindi, il tessuto locale è formato da moltissime PMI che lavorano per i gruppi più grandi con un rapporto di subfornitura.

Ogni anno la Fiera di Brescia ospita la Mostra delle Armi Sportive, l’Exa, a cui intervengono centinaia di espositori italiani e stranieri, specializzati soprattutto nella produzione di armi civili, destinata in gran parte al settore sportivo, in particolare alla caccia.

Ovviamente il distretto delle armi leggere del bresciano non è immune dal suscitare grosse polemiche, sia per quanto riguarda la produzione di armi a scopo militare sia per la produzione di armi civili.