Il Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene nell’olimpo dei vini

Redazione MondoPMI
0
0

Conegliano è un paese sulle colline trevigiane che, insieme a Valdobbiadene, è conosciuta come una delle capitali del vino, in particolare del prosecco. Il vino prodotto in quest’area non è un semplice Prosecco Doc, ma la zona ha ottenuto il marchio DOCG per le oltre 150 cantine riunite nel Consorzio per la Tutela del Prosecco Conegliano-Valdobbiadene.

La zona di produzione del Prosecco DOCG di Conegliano e Valdobbiadene si trova in provincia di Treviso, a 50 km da Venezia, ed è situata a uguale distanza dalle Dolomiti e dall’Adriatico. Di essa fanno parte quindici comuni per un totale di circa 20.000 ettari coltivati a vitigno.

Quello di Conegliano e Valdobbiadene non è solo un territorio famoso come luogo di produzione di vini, ma si tratta di un vero e proprio distretto, riconosciuto nel 2003 come primo distretto spumantistico a livello nazionale. Qui, infatti, ha sede la prima Scuola Enologica d’Italia e del primo Istituto Sperimentale per la Viticoltura, ed oltre alle aziende vitivinicole, comprende piccole medie imprese lungo tutte le fasi della filiera del prosecco. A stretto contatto con le aziende spumantistiche lavorano le distillerie, che trasformano le vinacce nella tipica grappa veneta, inoltre nella zona sono presenti imprese che producono le macchine necessarie alla lavorazione vinicola, laboratori che analizzano il vino e le uve, enti che organizzano corsi di formazione e strutture ricettive che fanno parte del consorzio.

L’obiettivo è quello di orientare le azioni verso lo sviluppo del territorio nel suo insieme, sempre con un occhio di riguardo alla sostenibilità ambientale, valorizzando la tradizione enologica fortemente radicata nella zona come punto di partenza per un futuro sempre più roseo per il prosecco di Conegliano e Valdobbiadene e per le colline da cui nasce.