Il turismo culturale in Campania

Studio Baldassi
0
0

Lontana dalle affollate coste campane, la città di Benevento si inserisce tra le colline dell’Appennino nella regione storica del Sannio. La città ha vissuto nell’antichità diverse fasi: prima sannitica, poi romana, infine longobarda e pontificia. Questa varietà di dominazioni ha lasciato sul territorio un patrimonio artistico culturale importante e vastissimo, dando al turismo primaria importanza per la crescita e l’economia della Provincia. Tra le attrazioni principali spiccano il Complesso monumentale di Santa Sofia, iscritto alla Lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO, ma anche l’Arco di Traiano e il Ponte Valentino, insieme a poli museali come il Museo Diocesano e il Museo d’arte contemporanea Sannio (ARCOS).

Le iniziative per promuovere il territorio sono molteplici. Sul Web sono numerose le piattaforme dedicate al turismo beneventano come eptbenevento.it, beneventoturismo.it e comune.benevento.it. Ma il supporto arriva anche dalle istituzioni locali e regionali, con finanziamenti e aiuti concreti. La Provincia, ad esempio, ha ottenuto nel mese di luglio un finanziamento di 200mila euro per il progetto “La Primavera dei Longobardi del Sud”, utile per promuovere e valorizzare il patrimonio longobardo ben radicato nella città. Ma non si guarda solo ai grandi centri, rivolgendo l’attenzione anche ai piccoli comuni, dove si sta cercando di promuovere il turismo rurale per lo sviluppo di località più periferiche come Apollosa, Ceppaloni e San Leucio del Sannio, in cui si inserisce anche la valorizzazione delle produzioni locali soprattutto di tipo agro-alimentare. Sono poi numerosissime le piccole iniziative locali e cittadine legate a feste, sagre ed eventi che danno vita a un ecosistema ricchissimo e molto vario. Tutto questo crea ovviamente uno stimolo concreto per l’intera economia locale, con un aumento delle attività anche per i commercianti e per le imprese che insistono nel territorio che, con ulteriori finanziamenti alle aziende, può concretizzare un ulteriore sviluppo basato sulla cultura e sulla tradizione.