Il web incrementa l’export delle PMI veronesi

Redazione MondoPMI
0
0

Più le aziende, ed in particolare il mondo delle Piccole Medie Imprese, abbracciano le nuove tecnologie digitali offerte dal web, e più aumenta la percentuale di vendite all’estero, che pare aggirarsi intorno al + 21%.

Sembra quindi che il web sia la risposta più esauriente alla crisi interna che attanaglia la nostra economia, soprattutto perché agisce da catalizzatore verso i mercati esteri ed internazionali. E non fanno certo eccezione le PMI veronesi.

E’ quanto emerge dal rapporto “Internet & export: il ruolo del digital nell’internazionalizzazione delle Pmi italiane” redatto da Doxa Digital per conto di Google.

In generale il web è uno strumento molto utile per favorire l’export ma in particolare per le imprese italiane rappresenta un’opportunità ancora più allettante dato il successo  e la considerazione che i prodotti Made in Italy hanno all’estero.

I canali maggiormente utilizzati dalle imprese italiane digitalizzate che esportano all’estero sono le piattaforme di e-commerce. E si stima che in media il 24% del loro fatturato sia proprio dovuto a questo settore di web business diretto con l’estero.

Sono numeri che di fatto confermano come per essere vincenti nel mercato occorra innovarsi continuamente e sapersi reinventare, stando al passo con le nuove tecnologie.

Dal rapporto commissionato da Google, emerge però«una diffusa mancata consapevolezza, da parte dei manager delle Pmi, delle competenze e dei cambiamenti richiesti dalla digitalizzazione, da un punto di vista strategico, organizzativo e operativo».

Le pmi nostrane per uscire dalla situazione di stallo in cui ci troviamo, dovrebbero quindi prima di tutto modificare la propria cultura organizzativa proiettandosi verso il futuro e l’innovazione che, senza dubbio, è e continuerà ad essere legata al mondo delle tecnologie digitali.