In Sardegna il distretto delle nuove tecnologie

Studio Baldassi
0
0

Sardegna DistrICT è il nome del distretto delle nuove tecnologie che da circa vent’anni a questa parte si è sviluppato a Cagliari e che trova in Tiscali il suo esponente più importante. Ad un primo impatto potrebbe sembrare strana l’esistenza di un distretto a così alta specializzazione tecnologica in una regione come la Sardegna, dove l’hi-tech non è certo il settore trainante, eppure negli ultimi dieci anni l’area cagliaritana ha mostrato una crescita significativamente più intensa rispetto al numero di imprese operanti nell’ambito dei settori software, hardware e telecomunicazioni nel resto d’Italia.

Il distretto trova fondamento nelle competenze scientifiche, tecnologiche, manageriali ed imprenditoriali che, a partire dai primi anni ’90, si sono sviluppate nell’isola e che hanno portato alla nascita di imprese che nel tempo sono diventate dei colossi del settore. Ed è stata proprio la lungimiranza dell’amministrazione regionale a permettere lo sviluppo di un distretto tecnologico così avanzato. È stata proprio la Regione, infatti, a volere investire nella nascita del Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna (CRS4) sotto la guida del Premio Nobel Carlo Rubbia. Proprio qui, grazie alla collaborazione con il prof. Paolo Zanella e con un team di ricercatori provenienti dal CERN di Ginevra, nel 1991 è nato il primo sito internet italiano (csr4.it, ora non più attivo), mentre l’Unione Sarda è stato il primo giornale italiano ad avere un’edizione on line. Tra il ‘94 e il ‘95, poi, a Cagliari è stato fondato il primo Internet provider commerciale italiano (Video On Line) a cui sono seguiti la prima web-mail a livello mondiale e il primo motore di ricerca italiano. Da quel momento la nascita e la crescita di PMI attive nel settore della new economy sono state inarrestabili. Un po’ per effetto emulazione, un po’ perché il fermento intorno al nuovo distretto tecnologico continuava ad attrarre in Sardegna studiosi ed esperti del settore, oltre che finanziamenti alle imprese e capitali indispensabili a creare nuova imprenditorialità.