Rapporto Istat: imprese italiane poco digitalizzate

Allarme Istat: le imprese italiane sono poco digitalizzate

Redazione MondoPMI
0
0
imprese italiane poco digitalizzate

L’Istat ha pubblicato il Rapporto sulla competitività dei settori produttivi, e ha “suonato l’allarme” sul fronte della digitalizzazione, fattore chiave proprio per l’incremento della produttività. La soluzione per migliorare questo dato è proposta dal presidente dell’Istat stesso: “Rimuovere i vincoli agli investimenti”.

Sono proprio gli investimenti a scarseggiare nel sistema produttivo italiano, con poca attenzione al capitale umano; questo si riflette in un freno importante per la competitività delle imprese. Il livello della digitalizzazione sembra ancora marcatamente insufficiente: il 63% delle imprese presenta un tasso molto basso di digitalizzazione, con alcune “sacche” di totale indifferenza alla digitalizzazione stessa. Dopo il 32% di imprese a media digitalizzazione, troviamo il dato che ci fa riflettere: solamente il 5% delle aziende riesce a raggiungere livelli di alta digitalizzazione.

TiAnticipo_Chaplin_banner_728x90

La ripresa economica italiana si è dimostrata più contenuta rispetto alle altre economie europee come Germania, Francia e Spagna, e questa dinamica di investimento potrebbe essere una delle cause del fenomeno.

Salgono invece gli innovatori: il 48,7% delle aziende italiane con almeno 10 addetti, ha svolto e sta continuando a svolgere attività innovative. Il 30% delle aziende italiane è considerato “innovatori forti”, ossia innovatori in prodotti e processi. Il 25% invece viene considerato solamente come innovatori di prodotto mentre il 22% sono classificati come “innovatori deboli” ovvero coloro che innovano solo l’organizzazione o il marketing.

Viene tracciato anche un primo bilancio sul Piano Nazionale Impresa 4.0: nel 62,1% delle imprese, il super ammortamento ha svolto un ruolo importante nello scorso anno, nella decisione di investire; l’iper ammortamento invece per il 47,6%. Il credito d’imposta per spese in ricerca e sviluppo è stato infine rilevante per il 40,8% delle imprese.

A conclusione del Rapporto Istat sulla competitività delle imprese italiane, nonostante l’allarme per la scarsa digitalizzazione, possiamo dire che qualche nota positiva c’è ma la strada da fare è ancora lunga.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock