L’80% della produzione nazionale di carta viene da Lucca

Il distretto comprende più di 244 imprese impegnate nella produzione di tissue, carta per usi igienici e domestici e cartone ondulato, che formano un tessuto ben ramificato nel territorio.

Redazione MondoPMI
0
0
Distretto cartario di Lucca

Il distretto cartario di Lucca abbraccia un’area di 12 Comuni (Capannori, Porcari, Altopascio, Pescia, Villa Basilica, Borgo a Mozzano, Fabbriche di Vallico, Gallicano, Castelnuovo Garfagnana, Barga, Coreglia Antelminelli, Bagni di Lucca) racchiusa tra le Provincie di Lucca e Pistoia, con un’estensione di 750 Km quadrati.

Banca Ifis

 

Qualche dato sul distretto

Il 70% delle aziende che lavorano nella filiera della carta sono specializzate in cartotecnica, mentre il restante 30% si occupa della produzione di:

  • Carta per ondulatori
  • Tissue
  • Cartoni per usi industriali e alimentari
  • Imballi

Nel complesso, il distretto comprende più di 300 imprese impegnate nella produzione di tissue, carta per usi igienici e domestici e cartone ondulato, che formano un tessuto ben ramificato nel territorio. Si tratta perlopiù di piccole e medie imprese con un fatturato complessivo di quasi 4miliardi di euro, e delle quali 35 hanno dimensione superiore ai 50 addetti. Il distretto comprende anche circa 90 imprese specializzate nella produzione di macchine per l’industria cartaria, che offrono lavoro a più di 2mila addetti e producono 965milioni di fatturato.

Il distretto detiene, inoltre, il controllo dell’80% della produzione di carta tissue nazionale, e il 40% della produzione di cartone ondulato, e realizza ogni anno 900mila tonnellate di carta.

L’export dell’industria cartaria lucchese si attesta intorno ai 700milioni di euro ed è tra i principali protagonisti, insieme alla meccanica e alla cantieristica, dell’export provinciale. Tra i principali Paesi di destinazione ci sono Francia, Germania, Grecia, Paesi Bassi, Spagna, Svizzera e Austria.

L’alta specializzazione e il know how delle maestranze sono i punti di forza del distretto, insieme all’elevato numero di imprese concentrate nell’area, alla presenza di fornitori qualificati e alla tradizione secolare che caratterizza il comparto.

 

Verso una produzione più sostenibile

Il distretto è caratterizzato da una particolare dinamicità, e le imprese che ne fanno parte hanno sviluppato strategie di rete per realizzare servizi comuni per l’intera filiera e la salvaguardia dell’ambiente. Per questo, nel 2008 il Comitato Ecolabel – Ecoaudit Sezione Emas ha rilasciato al soggetto gestore del distretto, la Provincia di Lucca, un riconoscimento per l’impegno nella sostenibilità ambientale, poi rinnovato anche per il successivo triennio.

Vorresti sapere di più sui distretti industriali? Leggi il nostro articolo per scoprire maggiori dettagli sui distretti che formano il tessuto produttivo italiano.