La ceramica di Vietri si tutela contro la contraffazione internazionale

Redazione MondoPMI
0
0

Vietri sul Mare è uno splendido paese sulla Costiera Amalfitana che ha costruito la sua fama non solo intorno al turismo, ma anche sulla lavorazione delle ceramiche artistiche. Qui da secoli i maestri ceramisti producono oggetti d’arte di grande qualità, che però negli ultimi anni stanno facendo i conti con la contraffazione internazionale.

Anche per questo motivo i maestri ceramisti vietresi hanno dato vita all’Ente Ceramica Vietrese, che si sta battendo con forza contro le false ceramiche di Vietri, anche ideando il marchio Made i Vietri. Lo scopo del marchio non è solo quello di difendere gli artigiani e le Piccole Medie Imprese che producono ceramica, ma anche tutelare il consumatore dall’acquisto di un oggetto non originale.

Sempre per gli stessi motivi,  nel 2001 l’Ente ha approvato e registrato presso il Ministero dell’Industria il Marchio Collettivo “Ceramica Vietrese”che identifica anche un rigido Disciplinare di Produzione da rispettare affinché i prodotti ceramici possano essere definiti ceramica di Vietri.

Oggi fanno parte dell’Ente Ceramica Vietrese ben 50 tra aziende e studi d’arte localizzate sul territorio di Vietri, con un totale complessivo di oltre 350 addetti. Se si prende in considerazione anche l’indotto, poi, il numero degli addetti coinvolti a vario titolo nella lavorazione  della ceramica sul territorio del Comune di Vietri sul mare sono oltre 500.

La lunga tradizione ceramica vietrese è testimoniata anche all’interno del Museo provinciale della ceramica, che dal 1982 è ospitato all’interno della tenuta di Villa Guariglia a Raito, sulla Costiera amalfitana.

All’interno della mostra sono esposti oggetti in ceramica di carattere religioso, vasellame di uso quotidiano e produzioni di ceramica del “periodo tedesco” nel salernitano.