La lavorazione ceramica nella storia di Civica Castellana

Redazione MondoPMI
0
0

Il Distretto Industriale della ceramica di Civita Castellana rappresenta la principale area industriale della Provincia di Viterbo ed è specializzato nella produzione di articoli igienico-sanitari (ceramiche sanitarie e arredo bagni), stoviglierie e piastrelle.

Il comprensorio di Civita Castellana, infatti, è l’unico agglomerato industriale di un certo rilievo presente nel territorio della provincia di Viterbo, ed ha quindi un peso determinante sulla locale economia.

Le caratteristiche proprie del territorio, la ricchezza di acqua e di grandi masse di argilla hanno fornito l’ambiente ideale per lo sviluppo di questo tipo di produzione, infatti la lavorazione della ceramica ha origini antichissime, che risalgono addirittura all’epoca pre-romana. La ceramica, quindi, è parte integrante della storia di Civita Castellana, a partire dalle prime forme rudimentali ad impasto grezzo e prive di decorazioni fino alle più moderne soluzioni relative all’industria sanitaria e delle stoviglierie. Nell’arco dei secoli le tecniche di lavorazione sono state affinate ed i prodotti che ne derivavano hanno conosciuto un apprezzamento crescente sia in ambito nazionale sia internazionale.

L’industria ceramica nei suoi vari settori dei sanitari, delle piastrelle, degli accessori da bagno, delle stoviglierie e degli oggetti d’arte caratterizza la cittadina di Civita castellana a tal punto da configurarsi come “monosettorialità produttiva” sia per l’elevata concentrazione di aziende nel comprensorio, sia per la quantità e la qualità dei prodotti, sia per la considerevole quota di mercato nazionale ed estero conquistata.

La produzione del distretto è qualitativamente alta, al punto che il 51,1% delle aziende di Civita Castellana si posiziona nella fascia qualitativa “media”, per il 39% nella fascia “lusso” e solamente il 9,9% del fatturato delle Piccole Medie Imprese dei sanitari proviene da produzioni di classe “economica”.