L’artigianato artistico nel distretto di Savona

Redazione MondoPMI
0
0

La provincia di Savona da secoli coltiva la passione per le lavorazioni artigianali artistiche, tra cui quelle del vetro e della ceramica. La prima nasce intorno alla metà del XII secolo, in seguito all’insediamento nell’Isola di Bergeggi di una comunità di monaci benedettini provenienti dalla Provenza, e si diffonderà rapidamente su tutto il territorio ligure.

Anche le tracce della lavorazione della ceramica risalgono alla seconda metà del XII secolo, ma il settore raggiunge l’apice tra il ‘500 e ‘600 grazie all’arte della maiolica. Dagli anni Venti agli anni Sessanta del ‘900, poi, Albisola si afferma come centro artistico internazionale grazie ai continui contatti con apprezzati artisti internazionali, uno tra tutti Lucio Fontana.

Meta turistica molto apprezzata per il suo litorale, famosa per le colture floreali di Albenga, il distretto artistico di Savona possiede un patrimonio ricchissimo, conservato in piccola parte nei musei, ma visibile soprattutto nei palazzi policromi e pitturati di turchino sparsi in tutta la provincia. La densa relazione tra i manufatti ed il territorio ha dato vita ad un distretto artigianale dal potenziale ancora latente, recentemente oggetto di una serie di azioni volte alla sua valorizzazione e ad una migliore capitalizzazione della secolare tradizione.

La Regione sta muovendo i primi passi verso la creazione di un “sistema museale”, tramite il coinvolgimento dei Comuni di Savona (capofila del progetto), Albisola Superiore, Albissola Marina, Altare e Vado Ligure. I musei aderenti sono il Civico di Palazzo Gavotti di Savona, il museo della Ceramica Manlio Trucco di Albisola Superiore, il Muda di Albissola Marina, il museo dell’Arte vetraria di Altare e il museo di Villa Groppallo di Vado Ligure.

Sono inoltre previsti progetti transfrontalieri per dare impulso all’internazionalizzazione. La strategia è volta ad aumentare non solo il valore aggiunto e l’immagine del prodotto, ma anche la visibilità dell’area geografica di appartenenza, attraverso la riscoperta di un settore che ha segnato profondamente l’identità del territorio.

Esiste attualmente una certificazione di prodotto, sorta per volontà della Commissione Regionale per l’Artigianato, assieme al Sistema delle Camere di Commercio Liguri e le Associazioni di categoria. Sono stati redatti i disciplinari di produzione e le PMI artigiane che li rispettano potranno fregiarsi del prestigioso marchio “Artigiani in Liguria”.

Il dinamismo imprenditoriale e una rivisitazione in chiave moderna di questi antichi mestieri, potrebbero riportare alla luce l’antico splendore di queste lavorazioni e dare nuova linfa a modelli di business innovativi ancora poco sfruttati.

[callto]CERCHI CREDITO PER LA TUA AZIENDA?[/callto]