L’industria nautica di Trieste

Studio Baldassi
0
0

Trieste è una città particolarissima che nel corso della storia ha sempre subito la condizione di essere frontaliera e quasi un “territorio di conquista” che passava da uno stato all’altro, a ogni nuovo trattato di pace. Ma oggi Trieste è una città viva e unica, che proprio per la sua storia ha una sua identità incredibile, affascinante ed ormai ben definita.

Dal punto di vista economico, Trieste può contare su un sistema di attività commerciali e industriali molto diverse: quelle più rilevanti, seppur in misura inferiore rispetto al passato, sono le attività legate al porto. L’industria navale triestina, infatti, è caratterizzata dalla presenza di grandi aziende che lavorano in diversi ambiti della cantieristica (dall’armamento alla produzione di motori), ma anche di moltissime Piccole Medie Imprese che costituiscono l’indotto del settore, come quelle che producono mobili o tappezzerie per imbarcazioni, piuttosto che i noleggi d’imbarcazioni.

Fra le grandi aziende che operano nel mercato nautico del Friuli Venezia Giulia non si può non nominare la Fincantieri, uno dei più importanti gruppi del settore a livello europeo, o la Wärtsilä Italia (ex Grandi Motori Trieste) che è il più grande stabilimento per la produzione di motori navali in Europa. Inoltre, a Trieste ha sede anche Italia Marittima, nata nel 1836 e oggi una delle più vecchie e longeve compagnie di navigazione del mondo.

Negli ultimi tempi si è sentita l’esigenza di rafforzare la competitività delle imprese operanti in segmenti qualificati dei settori della cantieristica e della nautica, caratterizzati da elevati contenuti tecnologici, per cui nel 2012 è nato il Distretto tecnologico navale e nautico del Friuli Venezia Giulia. Grazie all’attività distrettuale, le imprese del settore potranno contare su un ente in grado di farsi portatore degli interessi di tutti e non di una singola azienda. In questo modo sarà più facile ottenere finanziamenti alle aziende del settore e investire in modo sinergico su attività in grado di far crescere sempre più il settore navale e nautico regionale.