Il mercato interno della nautica in ripresa

Al via il Salone Nautico di Genova per la 57° edizione della kermesse

Redazione MondoPMI
0
0

QUESTO è UN TITOLO lunghissimissimo DI UN BANNER ARTICOLO shortcode

questa è una DESCRIZIONE di qualcosa che non sto lì a spiegare a lungo per un banner articolo

SCOPRI

Il mercato interno della nautica da chiari segnali di ripresa. Le vendite di imbarcazioni in Italia continuano ad aumentare e gli elementi indicatori di un benessere maggiore risultano essere sempre più eloquenti. I dati raccolti da Ucina Confindustria Nautica, delineano l’andamento del settore sia per l’export che per il mercato interno. Dal 2010 al 2014 le esportazioni sono state registrate in aumento per poi subire un calo fino al periodo attuale. Le vendite interne invece hanno evidenziato una tendenza completamente opposta. Dal 2010 al 2014 sono diminuite nettamente, riprendendo poi a crescere negli anni successivi fino ad oggi.

Per quanto riguarda il trend del biennio precedente al 2017 ne abbiamo già parlato qui.

Quali le percentuali registrate per il mercato interno della nautica e per l’export negli ultimi sette anni?

Nel 2010 le vendite sul mercato interno della nautica erano pari al 33% delle produzioni totali mentre l’export segnava un 67%. Nel 2013 hanno raggiunto il picco più negativo, corrispondente al 7%, mentre l’export ha toccato il picco più positivo del 93%. L’inversione di tendenza dal 2014 in poi, ha fatto invece segnare nel 2015 un aumento delle vendite sul territorio nazionale portandole al 9%, e una diminuzione per l’export sceso al 91% del totale. Nel 2016 le vendite entro il confine segnavano un 11% e l’export un 89% della cifra complessiva delle produzioni.


QUESTO è UN TITOLO lunghissimissimo DI UN BANNER ARTICOLO shortcode

questa è una DESCRIZIONE di qualcosa che non sto lì a spiegare a lungo per un banner articolo

SCOPRI

A dar credito ai valori osservati e alle relative tendenze in termini percentuali ci pensa il Salone Nautico di Genova 2017, previsto dal 21 al 26 settembre.

La 57° edizione vede infatti la partecipazione di un maggior numero di espositori. Si tratta dell’8% in più rispetto al 2016, che aveva rilevato 800 presenze. C’è inoltre da aggiungere che sul totale degli espositori il 10% è straniero.

La presenza di un espositore estero ogni 10 italiani è sintomo dell’importanza che la produzione nautica del tricolore ha anche oltre confine.

Sono inoltre tornati ben 45 cantieri che avevano abbandonato da tempo il salone nautico. I quali, insieme ai nuovi che saranno presenti in fiera, fanno segnare un numero pari alle 70 aziende.

Quali sono le tipologie di navi presenti e le relative percentuali?

Tra le varie imbarcazioni presentate si hanno:

  • Barche a vela la cui presenza sale del 3,5%.
  • Natanti con motore entrobordo con +14%, e con ben 60 imbarcazioni lunghe più di 15 metri.
  • Barche fuoribordo che aumentano del 9%.

Cresce inoltre dell’11,8% la percentuale delle presenze di espositori di componentistica e accessori nautici.

La tendenza di quest’anno, in generale, riporta per i primi sei mesi un miglioramento fino al 18% e si può già dedurre che le previsioni per le vendite interne nell’arco del 2017 non saranno negative.

L’unica nota dolente riguarda i fondi (1,5milioni in meno) che il Ministero dello Sviluppo Economico non ha ancora versato in favore del Salone Nautico, per via della divisione tra Ucina e Nautica Italiana.

Ad ogni modo il Comune della città ligure ha messo in atto diverse iniziative a sostegno della fiera navale.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock