Distretto dei cappelli: a Montappone, il più importante d’Europa

Le PMI del distretto producono il 70% dei cappelli destinati al mercato nazionale, mentre il restante 30% viene esportato in tutto il mondo.

Redazione MondoPMI
0
0
distretto dei cappelli

In provincia di Fermo, tra i comuni di Montappone e Massa Fermana, sorge il distretto dei cappelli più conosciuto in Europa. L’attività caratteristica di quest’area consiste nell’intreccio della paglia per la produzione di cappelli, che negli anni si è allargata alla confezione di copricapi di qualsiasi forma e materiale, per uomo, donna e bambino.

STORIA DEL DISTRETTO DEI CAPPELLI  

La nascita della tradizione dei cappelli di paglia sui colli fermani trae origine dai contadini, che per proteggersi dal caldo e dal sole intrecciavano i gambi del grano mietuto per trasformarli in copricapo. La produzione, poi, si è estesa alla larga scala al punto che, verso la fine dell’Ottocento, Montappone è diventato il primo centro italiano a industrializzarne la fabbricazione.

Verso la fine degli anni ’70 è nato il vero e proprio Distretto dei cappelli di Montappone e Massa Fermana, che attualmente è costituito da circa un centinaio di imprese di piccole dimensioni che occupano quasi 2000 addetti. Si tratta di un polo mono settoriale altamente specializzato che ormai non produce più soltanto capelli in paglia, ma ha allargato l’offerta produttiva anche a cappelli in tessuto, feltro e filato.

Le PMI del distretto producono il 70% dei cappelli destinati al mercato nazionale, mentre il restante 30% viene esportato in tutto il mondo, specialmente in Francia, Giappone, Stati Uniti, Russia e paesi dell’Europa dell’Est.

 

Banca IFIS Impresa

 

 

Il distretto dei cappelli di Montappone non è composto soltanto da aziende che producono cappelli, ma sono presenti anche PMI che effettuano soltanto alcune fasi della lavorazione, che producono accessori, componenti e macchinari specializzati, mentre altre imprese occupano fasi della filiera che non riguardano direttamente la produzione, ma che sono specializzate nei servizi di stampa, consulenza e assistenza, trasporto e promozione del prodotto.

DISTRETTO DEI CAPPELLI: IL CONSORZIO CAPPELLODOC

Le attività del distretto dei cappelli vengono promosse in modo sinergico tramite il consorzio Cappellodoc, costituitosi nel 1994, di cui fanno parte molte piccole medie imprese del territorio. La sua finalità è quella di favorire l’attività promozionale dei cappelli e degli accessori prodotti dalle aziende consorziate, fornendo consulenza per l’internazionalizzazione e la crescita delle imprese consorziate. Grazie alle attività del consorzio, poi, le imprese del distretto hanno potuto iniziare ad esercitare un peso più importante nelle contrattazioni commerciali e nella ricerca di fondi e finanziamenti per le imprese locali.

DISTRETTO DEI CAPPELLI: LEADER IN ITALIA

Negli ultimi anni il comparto si è dovuto confrontare con le produzioni provenienti dall’Est Europa e dalla Cina. Da questo incontro è nata un’eccellente collaborazione, dal momento che ormai la maggior parte della paglia utilizzata per la produzione dei cappelli viene importata da Paesi esteri. Montappone mantiene comunque salda la sua supremazia sul prodotto finito e si classifica come primo Distretto italiano ad aver intrattenuto rapporti commerciali con l’Estremo Oriente.

Al contrario delle aziende asiatiche, quelle dei colli fermani sono di piccole dimensioni e fondate su strutture flessibili, e ciò permette loro di adattare la produzione anche per piccoli quantitativi di alta qualità.

La maggior parte delle imprese del Distretto è gestita a livello familiare e porta avanti una tradizione che viene trasmessa di generazione in generazione.

Vorresti sapere di più sui distretti industriali? Leggi il nostro articolo per scoprire maggiori dettagli sui distretti che formano il tessuto produttivo italiano.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock