Nell’autodromo di Monza un centro di ricerca al servizio dell’automotive

Redazione MondoPMI
0
0

Forse non tutti sanno che l’autodromo di Monza non è soltanto un circuito su cui si svolgono competizioni automobilistiche e motociclistiche, ma è anche un importante centro di ricerca che sviluppa prodotti e servizi di pubblica utilità.

Storicamente il circuito è stato utilizzato per lo sviluppo di asfalti speciali, i freni a disco, gomma run flat, l’asfalto autodrenante e auto pulente, i combustibili alternativi come gas, metano, bioetanolo. Proprio qui, infatti, sono state messe a punto grandi innovazioni per il settore automotive come il guard rail e il trasponder che è stato poi utilizzato per realizzare il telepass.

Il Monza Research Institute, infatti, opera all’interno dell’Autodromo di Monza con l’obiettivo preciso di aggregare le idee e di integrare le competenze in grado di proporre ad Enti e PMI internazionali soluzioni tecnologicamente avanzate per l’industria dell’auto e per la sicurezza stradale. Su basi di ricerca, sviluppo, innovazione e istruzione MRI Monza Research Institute aggrega al proprio interno strutture, nazionali e internazionali, che fanno dell’innovazione, del sociale e del sostenibile la propria missione prioritaria.