Le microimprese e il digitale: intervista a Nico Caradonna

Identità distinguibile e dialogo con i clienti sono i punti di forza di Ottica Caradonna.

Redazione MondoPMI
0
0
Nico Caradonna

Le piccole attività sono spesso schiacciate dal peso fiscale e dalla competitività esercitata dalle aziende più grandi. Per questo sono costrette a reinventarsi e ad adottare soluzioni innovative per differenziarsi ed emergere nel proprio segmento di mercato.

Nico Caradonna, titolare dell’impresa Ottica Caradonna, nel barese, e fondatore del blog Ottico del Web, ha raccontato a Mondo PMI i punti di forza del suo brand: la creazione di un’identità forte e distinguibile, il dialogo con i propri clienti e la presenza sul web.

I Raccontaci un po’ di te: di cosa ti occupi? com’è nata la tua azienda?

Sono ottico e ortottista. Lavoro nell’attività di famiglia, Ottica Caradonna, da 24 anni e in questo arco di tempo ho visto il negozio crescere molto. La mia passione per l’ottica è nata grazie alla figura di mio padre che mi ha ispirato fin da giovanissimo. Dopo aver conseguito la laurea in ortottica ho iniziato ad occuparmi di riabilitazione visiva.

La mia passione per il marketing e la comunicazione, invece, è più recente. Ho scoperto il mondo del digitale da autodidatta e ho deciso di aprire il mio blog di ottica, l’Ottico del Web, 5 anni fa. Devo ammettere che il digitale mi ha aperto la mente su parecchie cose. Mi sono reso conto che i social possono regalare spunti interessanti per il mio lavoro, soprattutto dal punto di vista umano: mi permettono di avere un contatto diretto con i miei clienti, acquisiti o potenziali, e di capire le loro abitudini. Da quando ho introdotto il digitale nella mia impresa ho anche iniziato a mettere “in crisi” alcuni meccanismi collaudati dell’azienda, a guardare le cose con occhio più critico. Abbiamo deciso di rimodernarci, di dare vita a processi nuovi, di rivalutarne altri, o di eliminare quelli che abbiamo ritenuto antiquati e obsoleti.

Quali sono gli obiettivi che ti sei posto? E, quindi, qual è la tua mission? I tuoi valori?

L’obiettivo della maggior parte delle aziende oggi è generare profitto. La nostra mission, invece, non è strettamente focalizzata su obiettivi di tipo economico.

Diciamo sempre che il nostro negozio è la nostra casa, è il luogo in cui trascorriamo gran parte del nostro tempo e, per questo, cerchiamo di renderlo più confortevole possibile, per noi, per i nostri collaboratori e per i clienti. Non vogliamo pensare solo ed esclusivamente al business ma anche al comfort di chi ci circonda e l’innovazione ci è spesso di aiuto in questo.

Se dovessi elencare tre valori fondanti della mia attività direi:

  • Il rispetto delle persone: per me è indispensabile non sacrificare mai valore umano di fronte al business;
  • L’innovazione, ingrediente necessario per garantire un futuro alla mia impresa;
  • La comunicazione: molti la considerano una semplice pratica ma per me è un valore imprescindibile.

Se pensi alla tua storia, quali sono state in passato e quali sono adesso le sfide del settore con cui ti devi cimentare? (In termini di costi troppo elevati e difficili da sostenere, sgravi fiscali, ecc.)

Si dice che “gli imprenditori sono gli eroi di quest’epoca”, ritengo non ci sia nulla di più vero. Il peso fiscale è sicuramente una delle maggiori difficoltà che un’impresa come la mia si trova ad affrontare ogni giorno.

Un altro problema con cui mi trovo a combattere è la disinformazione. Siamo fortunati perché abbiamo libero accesso a qualsiasi tipo di sapere grazie a Internet. Questo vantaggio, però, sta contribuendo alla creazione di un’enorme disinformazione e alla circolazione di fake news, spesso molto pericolose.

Quando la gente è disinformata è portata a comprare qualsiasi cosa, ad esempio delle lenti a contatto scadenti che possono provocare gravi problemi agli occhi. Dopo aver danneggiato la propria salute queste persone sono costrette a curarsi e, di conseguenza, pesano economicamente sulla società. Per questo mi batto ogni giorno per fare informazione, almeno nel mio settore: per salvaguardare la salute delle persone, prima di tutto, e per evitare spese sanitarie inutili.

Investo molto tempo per parlare con i miei interlocutori, per spiegare quanto sia importante curare la vista. Se non sono io ad occuparmi della salute dei miei clienti, chi dovrebbe farlo? Preoccuparmi del loro futuro significa preoccuparmi anche del futuro della mia azienda. E poi mi permette di aumentare la fidelizzazione miei clienti: coloro che vengono nel mio negozio si sentono coccolati e ascoltati e, di conseguenza, tornano più volentieri.

Le imprese che danno importanza alla comunicazione sono veramente poche. Sono tutte interessate a vendere più prodotti possibili per guadagnare. Io la vedo diversamente, cerco di far restare il cliente più a lungo con me, nel mio negozio, di dedicargli tempo e attenzioni.

Hai mai passato momenti di difficoltà che ti hanno fatto pensare di abbandonare il tuo business?

C’è stato un momento di crisi che mi ha coinvolto personalmente. Dopo la laurea ho iniziato a lavorare in ospedale ma, circa una decina di anni fa, in Puglia, c’è stato un problema a livello di Pubblica Amministrazione e i dipendenti pubblici precari, come me, che aspiravano ad essere stabilizzati, hanno invece perso il lavoro. È stata dura per me ricominciare perché avevo fondato tutte le mie scelte su questa professione. Dopo 3 mesi di disorientamento ho preso l’iniziativa di ripartire da un libro di Riccardo Scandellari sul personal branding. Da qui mi sono reinventato e ho dato vita all’Ottico del Web.

L’IMPORTANZA DEL TEAM: chi altro insieme a te collabora in quest’attività? Quanto è importante per te la collaborazione all’interno del team, le competenze, la conoscenza e l’esperienza che ognuno apporta nel progetto/attività?

Il team è l’impalcatura della mia attività, è impensabile portare avanti un’attività da soli. Cerco di avere collaborazioni con persone valide: non solo dotate di competenze e che sappiano svolgere correttamente il loro lavoro, ma che condividano i miei valori, primo fra tutti il rispetto per le persone, per gli orari, per i ruoli. Sono regole semplici ma che in più occasioni mi sono trovato a discutere.

Attualmente collaboro con 2 persone interne al negozio e 4 esterne. Se oggi ho raggiunto certi obiettivi è sicuramente grazie al lavoro di team.

Quali leve utilizzi per comunicare la tua azienda e i tuoi prodotti (online e offline)? Quanto importante ritieni la presenza online del tuo brand? (sito web, social,…)

Uno dei vantaggi competitivi della mia azienda sta nell’aver capito come sfruttare al meglio il digitale. 5 anni fa quando ho iniziato a gestire il mio blog nessuno lo considerava un vero e proprio lavoro. Mi sentivo spesso dire: “tu hai tempo da perdere”.

Oggi posso distinguermi dai miei principali competitor proprio grazie alla presenza sul digitale. Molti clienti, ad esempio, vengono nel mio negozio perché lo trovano su Google o perché leggono i miei articoli. I piccoli imprenditori non hanno ancora capito le potenzialità che Internet può offrire, soprattutto a livello local.

Altro elemento di distinzione della mia attività è il valore estetico: cerco sempre di mettere in risalto la bellezza dei miei prodotti per renderli più accattivanti agli occhi dei clienti. Come il prodotto viene presentato e come lo si fa apparire agli occhi dei consumatori può veramente fare la differenza.

Mi piace tenere nel mio negozio prodotti ricercati, soprattutto per quanto riguarda l’occhialeria. Mi muovo spesso e frequento fiere di designer poco conosciuti per scovare articoli inediti da vendere nel mio negozio. Ho anche dato origine ad una mia linea di montature che faccio produrre nel Cadore, una collezione privata dedicata solo alla mia clientela.

Per finire…come vedi la tua impresa tra 5 anni?

Vedo la mia azienda sempre più specializzata in alcuni settori. Stiamo andando verso un’epoca in cui ogni cosa sarà acquistabile. Per differenziarsi sarà importante, quindi, offrire qualcosa che non è reperibile con facilità: un servizio di consulenza valido. Se penso al futuro immagino la mia azienda presente sul mercato con un’impronta consulenziale, perché è l’unico mezzo che mi lega alle persone.

La volontà di Nico di crescere ed innovarsi non si è esaurita: il suo blog, entro aprile, verrà completamente rinnovato e diventerà un punto di riferimento per l’aggiornamento di altri professionisti del settore. Verranno pubblicati articoli con consigli su come fare personal branding e marketing nel digitale, attraverso i quali Nico condividerà la sua esperienza e le sue conoscenze per essere d’aiuto ad altri ottici e ortottisti come lui, con l’obiettivo di creare una grande community.