Radicchio di Treviso: il fiore invernale che delizia i palati

Redazione MondoPMI
0
0

Se è vero che la stagione regina per la produzione di ortaggi è l’estate, è vero anche che l’inverno le sue produzioni tipiche, spesso molto rinomate come nel caso del Radicchio Rosso di Treviso IGP e del Radicchio Variegato di Castelfranco IGP. Nella zona compresa tra la provincia di Treviso e quella di Padova, infatti, esiste una grandissima produzione di quello che viene definito “il fiore che si mangia”. Il radicchio rosso di Treviso, in particolare, si presenta in due varianti: il precoce, che viene coltivato in campo aperto e i cui cespi vengono legati dopo l’estate per proseguire la maturazione e l’imbianchimento forzato, e il tardivo, assai più pregiato, che si presenta con foglie lunghe e affusolate, costa centrale bianca e foglie di un colore rosso-violaceo intenso e che può essere raccolto dal campo soltanto dopo due brinate.

Il suo pregio è dovuto anche al particolare metodo di produzione: secondo il disciplinare di produzione, una volta raccolto viene legato in mazzi e posto con il fittone immerso in vasche di acqua di falda a temperatura costante tra i 12 e i 15 gradi per la fase di imbianchimento.

La produzione di radicchio nella Marca trevigiana è promossa dal Consorzio Tutela Radicchio Rosso di Treviso e Variegato di Castelfranco, nato nel 1996 a seguito del riconoscimento delle IGP del Radicchio Rosso di Treviso e del Radicchio Variegato di Castelfranco. La sua funzione è quella di tutelare la produzione del radicchio, di promuoverlo e valorizzarlo, di informare il consumatore e di curare gli interessi relativi alla denominazione IGP.

Nel corso degli anni il Consorzio è stato in grado di portare avanti con efficacia la sua attività, tanto da riuscire ad accreditare il Radicchio Rosso di Treviso e il Radicchio Variegato di Castelfranco – in termini di qualità percepita – tra le eccellenze a livello internazionale, grazie anche alla collaborazione con gli enti pubblici e varie istituzioni locali che hanno permesso di mettere in luce l’area non solo per la produzione del tipico ortaggio invernale, ma anche come territorio ricco di cultura e tradizioni che si esprimono in splendide ville, città murate, aree archeologiche, parchi naturalistici e centri termali.

Il Radicchio Rosso di Treviso IGP viene celebrato lungo tutto l’inverno in oltre una decina di manifestazioni popolari, Mostre e Feste del Radicchio che uniscono tradizione rurale, enogastronomia e valorizzazione di luoghi antichi in grado di attrarre ogni anno migliaia e migliaia di visitatori in tutta la provincia.