Segnali di ripresa per le imprese della Puglia

La Regione segna ottime performance nel meridione.

Redazione MondoPMI
0
0
pmi-pugliesi

Segnali di speranza dalla Puglia, dove le piccole e medie imprese della Regione registrano dati positivi. La strada è ancora lunga prima di tornare alla situazione pre-crisi del 2008 ma i segnali rilevati fanno ben sperare. Infatti, si registra un +2,3% di crescita delle Pmi pugliesi, risultato considerevole se confrontato con quelli medi del Sud del Paese, per quanto concerne ricavi, valore aggiunto e margine operativo lordo.

Dall’analisi condotta da Confindustria e Cerved, che ha preso in considerazione i bilanci del 2015 di 11mila società di capitali con un fatturato compreso tra il mezzo milione e il miliardo, è emerso anche che vi è stata una diminuzione delle chiusure per dismessa attività e, inoltre, dopo anni crescono le nuove imprese fino a segnare un +2,3% del numero delle stesse. 5.429 sono state le aziende pugliesi oggetto dello studio, così suddivise per provincia: 2.686 (Bari-Barletta-Andria-Trani), 903 (Lecce), 755 (Foggia), 613 (Taranto) e 472 (Brindisi).

[BannerArticolo]

Da quanto emerge dalla ricerca, nel 2015 le pmi della Puglia hanno conseguito risultati migliori rispetto alle aziende del Mezzogiorno sia dal punto di vista dei ricavi (+4,2% contro +3,9%) che da quello del valore aggiunto (+5,4% contro +4,9%) sia, infine, da quello del margine operativo lordo (8,5% contro 5,7%).

I segnali sono positivi, ma la strada è ancora in salita per recuperare il divario rispetto al 2007, prima che la crisi scoppiasse. Da allora il numero delle imprese pugliesi è diminuito del 10% e, complessivamente, la loro redditività lorda è diminuita del -35%.

Guido Romano, responsabile degli studi economici di Cerved  ha affermato che «la selezione ha spazzato dal mercato le imprese più fragili costringendo le altre a rafforzarsi. Per le Pmi pugliesi è ora il momento di investire, sfruttando le agevolazioni fiscali in campo e una struttura finanziaria più equilibrata. È questa la strada per accelerare e per tornare velocemente verso i valori pre-crisi».

Domenico Favuzzi, presidente di Confindustria Puglia, ha concluso: «È la Puglia che lavora e compete ogni giorno. Una Puglia protagonista, che non ha mai smesso di credere nel suo sviluppo, continuando a distinguersi per dinamismo imprenditoriale e propensione all’export».

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock