Torino e il cinema: un amore che dura da oltre un secolo

Redazione MondoPMI
0
0

Se si pensa alla città di Torino e alla sua economia, la prima cosa che viene in mente è senza dubbio la Fiat e la produzione di automobili, eppure questa non è l’unica grande industria che ha reso famosa la città nel ‘900. Il capoluogo piemontese, infatti, è famoso anche per il suo strettissimo legame con l’industria cinematografica che discende direttamente dall’invenzione del cinematografo in Francia, ad opera dei fratelli Lumière. Anche in virtù della vicinanza geografica, nel marzo 1896 Torino ospitò la prima proiezione di un film in Italia. Torino, quindi, è stata la prima città italiana in cui l’industria cinematografica si è sviluppata. Nel 1907 aprirono i primi studi cinematografici italiani, nei quali nel 1914 Giovanni Pastrone girò uno dei primi kolossal della storia del cinema: Cabiria. La crescita dell’industria cinematografica in Piemonte proseguì fino al 1937, quando a Roma venne inaugurata Cinecittà. Nonostante questo, il legame tra Torino e il cinema rimase sempre molto stretto, grazie anche alla  nascita del Museo Nazionale del Cinema, avvenuta negli anni ’40.

Il Museo nazionale del Cinema, attualmente allestito nell’imponente scenario della Mole Antonelliana, è unico in Italia e tra i più importanti al mondo e può vantare un patrimonio cinematografico inestimabile, composto da 900 apparecchi e oggetti d’arte, oltre 8500 film, 200.000 documenti fotografici, 26.000 volumi e circa 300.000 manifesti.

L’importanza di Torino e del Piemonte nella cultura cinematografica italiana non si ferma soltanto alla produzione, ma negli ultimi anni si è sempre più identificata anche nella promozione cinematografica attraverso eventi e manifestazioni. In città, infatti, vengono organizzati moltissimi festival cinematografici che ancora oggi creano movimento intorno alle piccole medie imprese locali che lavorano nella cinematografia. Il Torino Film Festival è sicuramente il più importante tra questi eventi. Nato nel 1982 come festival del cinema per giovani, oggi si propone come luogo di incontro e confronto per il nuovo cinema internazionale senza perdere l’attenzione da sempre riservata alle cinematografie emergenti, ai giovani cineasti e al cinema indipendente.

Ad oggi il Torino Film Festival è uno dei pochissimi casi di Festival metropolitano, in quanto coinvolge nella manifestazione l’intera città. Non esiste una sola sede in cui vengono proiettate le opere, ma sono molti i cinema cittadini che possono beneficiare dell’afflusso di spettatori alimentato dal festival. Anche questo è un modo per tenere attiva un’industria che proprio a Torino affonda le sue radici e per alimentare le Piccole Medie Imprese cinematografiche che sempre più spesso devono affrontare da sole la grande crisi dovuta alla diffusione della pirateria, oltre che alla crisi economica generale.