Un’industria da sogno: il distretto della giostra della provincia di Rovigo

Redazione MondoPMI
0
0

Percorrendo la strada che costeggia la riva sinistra del fiume Po, ai confini tra il Veneto e la Lombardia, è facile scorgere tra i capannoni grandi pezzi di lamiera colorata che spuntano pieni di luci pronte ad essere accese. In provincia di Rovigo, infatti, tra i comuni di Melara e Bergantino, sorge uno dei più importanti distretti mondiali per la produzione di giostre e di spettacoli viaggianti.

Il Distretto Veneto della Giostra, in realtà, non interessa soltanto alcuni comuni della Provincia di Rovigo, ma coinvolge oltre 40 comuni del vicentino, del padovano, del veronese e del trevigiano.

Nel distretto della giostra di Melara e Bergantino sono attive decine di Piccole Medie Imprese con meno di 50 addetti, caratterizzate da un’alta specializzazione del personale e dalla presenza di elevato know how. Gran parte di esse sono attive da decenni, ben radicate nel territorio e con una forte propensione al design, all’export, all’innovazione tecnologica e alla continua ricerca dei migliori standards di sicurezza per il cliente finale.

Nella zona, però, non è attiva soltanto la parte “imprenditoriale” legata alla produzione di giostre e spettacoli viaggianti, ma anche quella relativa alla professione di “giostrai”, attualmente in forte calo. Delle oltre cento famiglie di giostrai che da qui partivano per andare in giro per l’Italia a fare i luna park, ora ne rimangono circa una trentina. Il calo è dovuto soprattutto al difficile ricambio generazionale: quando le vecchie generazioni vanno in pensione non vengono sostituite dai figli che, nel frattempo, hanno studiato e scelto altre strade professionali.

Del distretto fanno parte aziende attive lungo tutta la filiera della giostra: dalla carpenteria metallica all’impiantistica elettrica, dalla realizzazione di addobbi di illuminazione esterna all’allestimento di carovane ad uso abitazione, dalla decorazioni di giostre alla costruzione di attrezzature dolciarie, fino ad arrivare alle aziende specializzate nella realizzazione di spettacoli pirotecnici. Si trova proprio in questa zona la Parente Fireworks, che ha realizzato alcuni tra gli spettacoli pirotecnici più apprezzati degli ultimi anni, come le cerimonie di apertura e chiusura delle Olimpiadi Invernali di Torino nel 2006, varie edizioni della Festa del Redentore a Venezia, l’inaugurazione dello Juventus Stadium e il 50esimo anniversario della Costituzione del Kuwait, entrato nel Guinness dei Primati come lo spettacolo pirotecnico più lungo del mondo.

Il distretto veneto della giostra, quindi, sembra resistere bene all’ondata di crisi che sta attraversando l’economia internazionale: forse perché in un periodo così buio grandi e piccini hanno ancora bisogno di sognare tra le luci colorate di un luna park.