Wellness Valley: Romagna leader per benessere e qualità della vita

Redazione MondoPMI
0
0
Wellness Valley

La Romagna aspira ad ospitare il primo distretto del benessere e della qualità della vita al mondo.

Da più di 15 anni la Wellness Foundation, la fondazione no profit di Nerio Alessandri, padre del colosso dello sport e del wellness Technogym, promuove il progetto Wellness Valley per costruire un distretto leader nel settore del fitness e della salute fisica.

Wellness Valley ha coinvolto aziende, amministrazioni pubbliche, strutture turistiche, scuole e università, per creare una rete di iniziative ed eventi che, dopo 15 anni, è diventata una piattaforma consolidata composta da più di 70 progetti attivi: dalle attività per promuovere l’esercizio fisico nelle scuole, ai pacchetti turistici wellness, fino a visite mediche mirate a consigliare l’esercizio fisico più adatto per determinate patologie, e programmi di fitness pensati per gli anziani.

 

Banca IFIS Impresa

 

WELLNESS VALLEY REPORT: I ROMAGNOLI SONO I PIÙ ATTIVI D’ITALIA

A settembre, in occasione del Wellness Valley Workshop, la Wellness Foundation ha diffuso i risultati di un anno di studi sull’impatto ti tali progetti sulla salute della popolazione romagnola. Il Wellness Valley Reportha evidenziato l’efficacia di questo approccio sul benessere pubblico: in Romagna, infatti, solo il 13% della popolazione è sedentaria, rispetto ad una media nazionale del 28%. Il 29% usa la bicicletta per spostarsi quotidianamente, contro un dato medio nazionale dell’11%, mentre il 51% dei romagnoli preferisce muoversi a piedi, contro il 40% degli italiani.

Dalla ricerca è emerso anche che l’attività fisica ricopre, in Romagna, un ruolo importante anche in ambito medico: il 40% dei medici romagnoli prescrivono l’attività fisica come farmaco per curare certe patologie, più o meno gravi, rispetto a una media del 30% registrata sui medici italiani, mentre la popolazione a rischio di disabilità per malattie croniche è del 10,2%, contro il 20,8% a livello nazionale.

Notevoli anche le ricadute del wellness sull’economia romagnola. Le attività del territorio rientranti in questo settore pesano per il 3,2% del Pil totale, rispetto ad un dato nazionale dell’1,4%. Inoltre, nel periodo 2014-18 il Pil totale romagnolo è cresciuto quasi dl 5%, mentre il comparto del wellness ha avuto una crescita del 12,4%. Le imprese attive nell’ambito del benessere e dell’attività fisica sono aumentate del 12,2% rispetto al 2011, ed è salito il numero degli occupati nel settore, superiore ai 12 mila addetti, rispetto ad una media complessiva che ha subito una flessione dello 0,5%.

“Star bene conviene” – ha affermato Nerio Alessandri.

Quello della Riviera Romagnola è un progetto pilota la Wellness Foundation spera possa essere esteso all’intero Paese, per fare dell’Italia il primo produttore di benessere al mondo.

 

Vorresti sapere di più sui distretti industriali? Leggi il nostro articolo per scoprire maggiori dettagli sui distretti che formano il tessuto produttivo italiano.