Crediti d’imposta nel DL Sostegni bis: cosa c’è da sapere

Dalle imprese turistiche e alberghiere alle aziende del settore moda, sono tanti i settori interessati.

Redazione MondoPMI
0
0
credito d'imposta nel dl sostegni

Il DL Sostegni bis ha rinnovato o introdotto diverse misure che prevedono crediti d’imposta: ecco quali.

 

Banca Ifis

 

Chi può usufruire dei crediti d’imposta previsti dal DL Sostegni bis?

Il DL Sostegni bis (DL n. 73/2021) ha rinnovato diverse misure a sostegno di imprese e professionisti già contenute nel DL Rilancio, oltre a prevedere ulteriori misure rivolte ad alcune categorie di imprese. Tutti questi interventi hanno un aspetto in comune: prevedono il riconoscimento di un credito d’imposta a favore delle aziende che rispettano precisi requisiti.

A seconda dei casi, il credito d’imposta può essere goduto in un solo anno oppure frazionato in più esercizi d’imposta e va usato in compensazione in occasione del versamento delle imposte.

Credito d’imposta per le locazioni commerciali e l’affitto d’azienda

L’art. 4 del DL Sostegni bis ha prorogato fino al 31 luglio 2021 la validità della misura introdotta dal DL Rilancio che riconosce un credito d’imposta sugli affitti pagati per locali a uso non abitativo e per l’affitto d’azienda a favore di imprese del settore turistico-ricettivo, tour operator e agenzie di viaggio che hanno subito un calo di fatturato di almeno il 50% su base mensile tra il 2021 e il 2019.

Inoltre, lo stesso articolo introduce un analogo credito d’imposta per le imprese di tutti gli altri settori economici. La condizione per poter accedere al credito d’imposta è avere avuto una riduzione di almeno il 30% nel fatturato medio mensile nel periodo compreso tra il 1/4/2020 e il 31/3/2021.

L’entità del credito d’imposta varia tra il 30 e il 60% a seconda della categoria a cui appartiene l’impresa.

Credito d’imposta per la riqualificazione delle strutture alberghiere

L’art. 7 ha rinnovato per tutto il 2021 la misura che prevede un credito d’imposta del 65% calcolato sulla base delle spese sostenute per la riqualificazione e il miglioramento delle strutture alberghiere.

Credito d’imposta sulle giacenze delle imprese del settore tessile e della moda

Già il DL Rilancio aveva previsto un credito d’imposta rivolto alle imprese del settore tessile, della moda, delle calzature e delle pelletterie. Il credito viene calcolato tenendo conto dell’incremento del valore medio delle giacenze di magazzino: se le rimanenze dell’anno fiscale in corso sono superiori rispetto al valore medio delle giacenze dei tre anni d’imposta precedenti, le imprese possono richiedere un credito d’imposta pari al 30% dell’eccedenza. Il DL Sostegni bis ha rinnovato la misura per tutto il 2021 e l’ha estesa anche al 2022. Per ottenere il credito d’imposta le imprese devono comunicarlo all’Agenzia delle Entrate.

Credito d’imposta per le sponsorizzazioni sportive

Il DL Sostegni bis ha prorogato di un anno anche la norma che riconosce un credito d’imposta pari al 50% degli investimenti in sponsorizzazione fatti nel corso del 2021 da leghe, società e associazioni sportive che nel 2019 hanno avuto un fatturato compreso tra 150.000 euro e 15 milioni di euro. Il credito d’imposta è riconosciuto per investimenti fino a 10.000 euro.

Credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi non 4.0

Le imprese che hanno acquistato beni strumentali non 4.0 e hanno un fatturato fino a 5 milioni di euro possono usufruire del credito d’imposta riconosciuto sugli acquisti in un’unica soluzione.

Credito d’imposta per la sanificazione degli ambienti e l’acquisto di dispositivi di protezione individuale

L’art. 32 del DL Sostegni bis introduce un credito d’imposta per l’acquisto di sistemi di protezione individuale (tamponi, mascherine, ecc.) e per le spese di sanificazione dei locali (dall’acquisto di detergenti e disinfettanti fino alle spese per impianti di sanificazione). Viene riconosciuto un credito d’imposta del 30% delle spese sostenute nel periodo compreso tra luglio e agosto 2021, fino a un tetto di spesa di 60.000 euro.