Il Decreto Agosto entra in vigore: quali opportunità per le imprese?

Il Decreto Agosto è entrato in vigore: ecco le misure pensate per imprese e liberi professionisti.

Redazione MondoPMI
0
0
Decreto Agosto

Le nuove misure introdotte dal Decreto Agosto per sostenere e rilanciare l’economia del Paese sono definitivamente entrate in vigore, in seguito alla pubblicazione ufficiale del documento in Gazzetta. Ricordiamo che questo provvedimento segue i decreti Cura Italia, Liquidità, Rilancio e Semplificazioni emanati nei mesi precedenti. Vediamo, quindi, quali sono le misure introdotte questo mese a favore di imprese e liberi professionisti.

Banca Ifis

 

DECRETO AGOSTO: LE MISURE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE

Il Decreto Agosto stanzia ulteriori 25miliardi di euro, che si aggiungono ai 75miliardi investiti con i Decreti precedenti. I nuovi provvedimenti, secondo quanto affermato dal Ministro dello Sviluppo Economico Patuanelli, toccheranno i campi delle nuove tecnologie, dell’automotive, dell’occupazione e del Fondo Salva Imprese, ma non solo. Ecco le misure nel dettaglio:

 

  1. Ecobonus e Fondo Salva Imprese

Sono stati previsti nuovi investimenti nell’Ecobonus, più precisamente:

  • 400milioni di euro nell’incentivo all’acquisto di auto a basse emissioni di CO2
  • 90milioni di euro per favorire l’acquisto e l’installazione di colonnine di ricarica per partite Iva e imprese

In arrivo anche nuovi contratti di sviluppo per facilitare gli investimenti e la realizzazione di progetti di crescita da parte delle aziende, con particolare riferimento alle aree del Mezzogiorno, per un valore complessivo di 500milioni. 200 milioni, invece, finiranno nel Fondo per la salvaguardia dei livelli occupazionali e per la continuità d’impresa (l’intervento del Fondo è stato esteso anche alle imprese con rilevanza strategica e meno di 250 dipendenti). Infine, 64milioni saranno stanziati per l’acquisto di beni strumentali da parte delle aziende (Nuova Sabatini) e 10 milioni per la Nuova Marcora a supporto di piccole e medie cooperative.

 

  1. Fondo di Garanzia e proroga dei mutui

Al Fondo di Garanzia sono destinati 7,8miliardi di euro per garantire liquidità alle imprese e ai liberi professionisti; 1,5miliardi, invece, saranno stanziati per il rafforzamento patrimoniale, il rilancio e lo sviluppo di società controllate dallo Stato. Al Fondo IPICEI per le imprese che partecipano alla realizzazione di importanti progetti a livello europeo, saranno destinati 950milioni, mentre saranno potenziati i Piani individuali di risparmio (PIR). È stata, infine, prorogata per le PMI la moratoria sui prestiti e sui mutui al 31 gennaio 2021.

 

  1. Altre misure

Il bonus affitti per gli immobili ad uso non abitativo è stato esteso al mese di giugno, mentre le attività turistiche potranno usufruire anche a luglio del credito d’imposta al 60% sul canone di locazione. Sono state esonerate dal pagamento dell’IMU (seconda rata) alcune categorie di immobili, tra le quali le strutture turistico-ricettive e le strutture per le fiere espositive. Infine, per incentivare gli acquisti con forme di pagamento elettroniche, sono stati stanziati 1,75miliardi per il 2021.