Le scadenze fiscali di luglio e la proroga delle imposte sui redditi

Prorogato al 20 luglio il versamento delle imposte sui redditi per i titolari di partita Iva soggetti Isa.

Redazione MondoPMI
0
0
Scadenze fiscali di luglio

Con il Dpcm del 27 giugno alcune delle scadenze fiscali in programma per il 30 giugno, come i versamenti Iva e le imposte dirette Irpef e Ires, sono state prorogate al prossimo 20 luglio. Per alcuni soggetti è, inoltre, possibile posticipare il pagamento al 20 agosto, versando una maggiorazione dello 0,40%.

Vediamo quindi chi può usufruire della proroga e quali sono le scadenze fiscali fissate per il mese di luglio.

Banca Ifis

 

PROROGA VERSAMENTO IMPOSTE: CHI PUÒ USUFRUIRNE?

Il provvedimento di proroga ridefinisce le scadenze per il versamento delle imposte che derivano dalla dichiarazione dei redditi 2019. Il nuovo termine per i versamenti è fissato al 20 luglio e riguarda non solo le imposte sui redditi ma anche il versamento dell’Iva e dell’Irap, nei casi in cui non si possa usufruire della sospensione concessa dal Decreto Rilancio (ossia, per soggetti con ricavi non superiori ai 250milioni di euro).

 

Non tutti, però, possono usufruire della proroga. I beneficiari sono i soggetti:

  • titolari di partita Iva che applicano gli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa)
  • che applicano il regime forfettario
  • che adottano il regime dei minimi

Non rientrano nella proroga, invece, i soggetti che dichiarano ricavi o compensi superiori alle soglie di applicazione previste dagli Isa.

CALENDARIO DELLE SCADENZE FISCALI DI LUGLIO

  • 16 luglio

Scade il termine del versamento Iva per i contribuenti con liquidazione mensile, tramite il modello F24, e delle ritenute alla fonte operate nel mese di giugno. Devono essere versati anche i contributi sulle retribuzioni dei lavoratori dipendenti e quelli relativi alla gestione separata INPS sui compensi erogati nel mese precedente. Per i titolari di partita Iva, non soggetti Isa, che hanno versato la prima rata il 30 luglio scorso, scade anche la seconda rata delle imposte sui redditi.

  • 20 luglio

Per i titolari di partita Iva, soggetti Isa, scade il termine per il versamento della prima o unica rata delle imposte sui redditi. Il primo appuntamento con le imposte sui redditi era stato fissato per il 30 giugno e poi prorogato al 20 luglio. C’è, inoltre, la possibilità di optare per il differimento ai 30 giorni successivi (20 agosto), con maggiorazione dello 0,40%. Il 20 luglio è anche il termine per il versamento del bollo sulle fatture elettroniche relativo al secondo trimestre 2020. Si aggiungono anche il versamento dell’Irpef, dell’Irap e della cedolare secca (primo acconto del 2020 e saldo relativo al 2019).

  • 27 luglio

È il termine ultimo per la presentazione degli elenchi riepilogativi Intrastat mensili/trimestrali relativi al mese/trimestre precedente.

  • 30 e 31 luglio

Il 30 luglio è la scadenza per il versamento delle imposte Irpef, Ires e cedolare secca con maggiorazione dello 0,40%, per i soggetti esclusi dalla proroga.

Per i non titolari di partita Iva, il 31 luglio scade il pagamento della seconda rata delle imposte sui redditi nel caso di primo versamento effettuato il 30 giugno. Scade il 31 luglio anche il termine per la richiesta del rimborso Iva a credito risultante dalla liquidazione del secondo trimestre.