Norme sulla Cassa Integrazione: rivisti i limiti sui dipendenti

Ridotto da 15 a 5 il numero di lavoratori minimo per accedere ai diritti della Cassa integrazione.

Redazione MondoPMI
0
0
regole-cassa-integrazione

Sono state inserite nel Jobs Act e sono entrate in vigore nello scorso mese di Settembre, le nuove norme sulla cassa integrazione che rivedono il numero limite di dipendenti per le aziende che vogliono accedervi. Il decreto “ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro” ha rivisto il limite da 15 a 5 dipendenti del tetto sopra il quale le PMI hanno diritto alla cassa integrazione.

L’ammortizzatore sociale, che potrà coprire l’80% della normale retribuzione, ha durata di 24 mesi, che possono arrivare fino a 36 nel caso venissero applicati prima i contratti di solidarietà. In questo caso sarà necessario prevedere un accordo aziendale, con limiti imposti dalla legge anche in materia di riduzione di orario durante la solidarietà.

Potranno usufruire della cassa integrazione tutti i lavoratori che saranno assunti dal almeno 90 giorni, anche con contratto di apprendistato professionalizzante.

Dal punto di vista contributivo il finanziamento della cassa ordinaria nelle imprese fino a 50 dipendenti pagano l’1,7%, mentre le aziende che superano questa soglia arrivano a pagare il 2% della retribuzione. Il contributo addizionale è previsto solo per le imprese che ricorrono alla Cig: 9% fino a 52 settimane; 12% fra 52 e 104 settimane; 15 oltre le 104 settimane. Resta l’obbligo per tutte le PMI con più di 5 dipendenti l’iscrizione ai Fondi di Solidarietà Bilaterali nei settori che non sono coperti dalla normale copertura di integrazione salariale.

Ultima novità riguarda la richiesta di rimborso all’Inps da parte delle imprese. Il trattamento di integrazione salariale sarà anticipato dall’azienda alla fine di ogni periodo di paga, con importo rimborsato dall’Inps o conguagliato in base alle norme sui contributi dovuti e prestazioni corrisposte.

Maggiori dettagli ed informazioni nella Circolare del Ministero del Lavoro 24/2015.

 

Image Credit: Shutterstock