Novità legge di Bilancio 2019: voucher per innovation manager

Il testo della legge di Bilancio 2019 riconosce un voucher per innovation manager per le MPMI che richiedono consulenze specialistiche su progetti innovativi..

Redazione MondoPMI
0
0
voucher innovation manager

Un voucher per innovation manager fino a 40.000 euro per le micro, piccole e medie imprese.

Cos’è il voucher per innovation manager

Il testo della legge di Bilancio 2019 riconosce un voucher per innovation manager alle micro e alle piccole e medie imprese che richiedono consulenze specialistiche su progetti innovativi.

Il voucher è a disposizione delle imprese che avviano progetti di:

  • innovazione e trasformazione digitale nell’ambito del piano Industria 4.0;
  • ammodernamento degli asset gestionali e organizzativi;
  • ingresso sul mercato finanziario o di capitali.

La legge di Bilancio attribuisce a queste imprese un contributo a fondo perduto sotto forma di voucher, che copre una parte delle spese di consulenza sostenute. La misura è valida per i periodi d’imposta 2019 e 2020. La dotazione finanziaria complessiva è di 25 milioni di euro.

Banca IFIS Impresa

 

A chi spetta

L’importo del voucher e i limiti di spesa riconosciuti sono diversi a seconda del tipo di impresa. Per ogni periodo d’imposta:

  • le micro e le piccole imprese possono ottenere un voucher fino a 40.000 euro, a copertura del 50% dei costi sostenuti;
  • le medie imprese possono ottenere fino a 25.000 euro, coprendo il 30% dei costi sostenuti;
  • le reti d’impresa possono ottenere fino a 80.000 euro, coprendo il 50% delle spese.

Per poter ricevere il contributo è necessario che le imprese firmino un contratto di consulenza con uno dei soggetti autorizzati individuati dal MISE.

È attesto per i primi giorni di aprile il decreto del MISE che conterrà il dettaglio dei criteri e delle modalità di attribuzione dei contributi. Lo stesso decreto definirà l’elenco dei professionisti e delle società di consulenza qualificati a cui le imprese potranno rivolgersi per avviare i progetti di innovazione e trasformazione digitale e i criteri per l’iscrizione allo stesso.

Sempre il MISE dovrà chiarire con il decreto la quota di risorse riservata alle micro e alle piccole imprese e la dotazione finanziaria a disposizione delle medie imprese.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock