Omessi pagamenti: nessuna sanzione per i contribuenti che svolgono servizi di pubblica utilità

Studio Baldassi
0
0

I ritardi dei pagamenti della PA colpiscono anche le Piccole Medie Imprese che si occupano di fornitura di servizi considerati di pubblica utilità. Proprio in questi giorni sta facendo scalpore la notizia relativa alla sentenza del Ctr del Lazio che ha deciso di non sanzionare un’azienda che si occupa di smaltimento e depurazione di acque reflue per conto di alcune amministrazioni locali. La sentenza, che farà sicuramente giurisdizione per le prossime cause, ha stabilito che non possono essere sanzionate le imprese che abbiano omesso dei pagamenti a causa dei ritardi della Pubblica Amministrazione per non interrompere il servizio alla collettività.

La corte ha dunque stabilito come prevalga sempre il buon senso: nonostante il mancato pagamento delle prestazioni per anni, il fornitore di servizi ha continuato il suo lavoro per non arrecare danno alla comunità (di fatto non ha disatteso il contratto firmato). La correttezza del comportamento ha fatto sì che il giudice annullasse la sanzione amministrativa connessa al mancato pagamento, poichè secondo le norme il presupposto della sanzione deriva dalla consapevolezza del comportamento, precisando però che spetta al giudice tributario la valutazione del singolo caso.