Quanto costa registrare un marchio?

È necessario aver chiaro fin da subito in quanti classi merceologiche si vuole registrare il proprio marchio.

Redazione MondoPMI
0
0

Se hai intenzione di registrare il tuo marchio e ti stai informando su quanto ti può costare, scoprirai che la spesa per la registrazione può variare a seconda dei tuoi obiettivi di business. In questo articolo vedremo, quindi, come varia il costo di registrazione di un marchio e qual è la procedura da seguire per registrarlo.

 

Banca Ifis

 

Per capire quanto costa effettivamente registrare un marchio, bisogna partire dalle due voci di spesa più consistenti, ossia:

  • Il compenso del professionista che seguirà le pratiche di registrazione (puoi anche scegliere di muoverti in autonomia ma avere qualcuno che ti guidi e ti consigli in questa fase ti espone sicuramente a minori rischi)
  • Le tasse da versare ai singoli uffici presso i quali vuoi registrare il tuo marchio (italiano, europeo, ecc.)

Registrare un marchio: a quanto ammontano le tasse di registrazione?

Mentre il compenso richiesto dal professionista, avvocato o consulente che sia, può variare di molto a seconda della sua notorietà o della sua esperienza, il valore delle tasse di registrazione è fisso e dipende dai territori in cui vorrai operare con la tua attività: se vuoi commercializzare i tuoi prodotti solo in Italia, ti basta la registrazione del Marchio Italiano, se invece vuoi vendere anche nel resto d’Europa le tasse saliranno di valore. O stesso vale per la registrazione di un Marchio Internazionale.

Vediamo insieme i prezzi:

  • Registrazione del Marchio Italiano – 177€ per ogni classe
  • Registrazione del Marchio Europeo – 850€ per ogni classe
  • Registrazione presso i Paesi che aderiscono al Marchio Internazionale – 800€ per ogni classe (più le tasse dei singoli Paesi)
  • Registrazione nei Paesi che non aderiscono al Marchio Internazionale – a partire da 980€ per ogni classe, a seconda del Paese

Una volta versate, le tasse di registrazione hanno una validità decennale. Purtroppo, non esiste una registrazione unica del marchio a livello mondiale perché ogni Paese ha le proprie regole, e diverse procedure e tassazioni, che tra l’altro cambiano piuttosto frequentemente.

Quanto costa registrare più di una classe?

I prezzi appena elencati corrispondono alla registrazione di una sola classe merceologica. Ma cosa succede se un marchio rientra in più classi merceologiche? Dipende tutto dai Paesi presso i quali si intende registrare il marchio. Se si vuole operare in Europa, ad esempio, l’aggiunta di una seconda classe merceologica comporta il pagamento di 50€ in più, mentre dalla terza si sale a 150€ per ogni nuova classe aggiunta. Se si registra un Marchio Italiano, invece, la seconda classe comporta un’ulteriore spesa di 34€.

Attenzione, però, perché è necessario aver chiaro fin da subito in quanti classi merceologiche si vuole registrare il proprio marchio: nessuna legislazione, infatti, consente di aggiungere una nuova classe merceologica dopo che il marchio è già stato registrato. Se hai già registrato il tuo marchio e hai bisogno di aggiungere una seconda classe merceologica, devi per forza sostenere i costi di una nuova domanda di registrazione.

Le spese “extra” da sostenere per registrare un marchio

Possono anche esserci delle spese “extra” da mettere in conto. Nel caso in cui, ad esempio, vengano sollevate delle obiezioni alla concessione del marchio, magari perché è già presente un marchio registrato simile o identico a quello che si desidera registrare. Diventa quindi necessario l’intervento di un consulente che faccia da mediatore tra il proprietario del marchio e l’ufficio di registrazione, e questo comporterà inevitabilmente dei costi ulteriori.

Negli USA, inoltre, si deve provare di aver usato il marchio registrato all’interno del territorio ed entro un certo lasso di tempo, altrimenti il marchio viene cancellato. Per questo, è indispensabile predisporre una serie di documenti e prove relativi all’utilizzo del marchio, che richiedono dei costi aggiuntivi.