Le scadenze fiscali di febbraio

IVA, IRPEF e contributi INPS, ma anche INTRASTAT, conguaglio IMU e cassa integrazione: tutti gli adempimenti di febbraio.

Redazione MondoPMI
0
0
Scadenze fiscali febbraio

Quali sono gli appuntamenti con il Fisco da segnare in agenda per il prossimo mese?

 

Le date degli adempimenti fiscali di febbraio

Fino al 30 aprile è possibile presentare la dichiarazione IVA per il 2020. Chi sceglie di fare la dichiarazione entro la fine del mese di febbraio (con il termine ultimo che slitta al 1 marzo) può accorpare anche la presentazione della liquidazione periodica per il quarto trimestre 2020.

1 febbraio

Il primo febbraio scade il termine per l’invio dell’esterometro relativo al quarto trimestre dello scorso anno. L’invio deve avvenire in via telematica e rispettando il nuovo tracciato entrato in vigore nel 2021.

Entro il 31 gennaio, prorogato al 1 febbraio, le aziende mandanti devono trasmettere ai rappresentanti e agli agenti di commercio il conto provvigioni relativo all’ultimo trimestre del 2020.

8 febbraio

Va inviata entro l’8 febbraio la dichiarazione sostitutiva degli investimenti svolti da parte di chi ha fatto domanda per l’accesso al bonus pubblicità 2020.

16 febbraio

Il 16 del mese c’è il consueto appuntamento con i versamenti IVA, IRPEF e contributi INPS. Entro questa data chi è soggetto al versamento mensile deve versare l’IVA. I sostituti d’imposta devono versare le ritenute IRPEF operate alla fonte a titolo di acconto sui redditi da lavoro dipendente e autonomo. Sempre entro il 16 febbraio vanno versati i contributi INPS riguardanti le retribuzioni pagate nel mese di gennaio.

Entro la stessa data va versato il saldo dell’imposta sostitutiva del TFR, banche e poste devono versare le ritenute operate sui bonifici, mentre chi svolge attività di intrattenimento deve versare i contributi mensili.

 

Banca Ifis

 

20 febbraio

Entro il 20 febbraio vanno versati i contributi ENASARCO da parte di agenti di commercio e rappresentanti relativi al quarto trimestre 2020. Il 20 è anche il termine per il versamento dei contributi mensili FASC e per la comunicazione delle assunzioni e delle cessazioni dei rapporti lavorativi nel settore marittimo.

21 febbraio

Il 21 febbraio è il termine entro il quale le agenzie di somministrazione di lavoro devono presentare gli elenchi dei contratti di lavoro iniziati, cessati, trasformati e rinnovati nel corso del mese di febbraio.

25 febbraio

Scade il 25 febbraio il termine per la presentazione dell’INTRASTAT mensile. Questo adempimento va presentato da parte di chi ha effettuato cessazioni di beni o prestazioni di servizi verso soggetti non residenti o non domiciliati in Italia e per un volume complessivo superiore a 50.000 euro nel trimestre.

28 febbraio, con proroga al 1 marzo

Chi è in possesso di una partita IVA in regime forfettario e svolge un’attività d’impresa con iscrizione alla Gestione INPS sezione artigiani e commercianti può richiedere entro il 28 febbraio la riduzione dei contributi INPS. L’aliquota agevolata in questo caso è del 35%.

Entro il 28 febbraio va anche versato il conguaglio IMU, come differenza tra la somma pagata entro il 16 dicembre e il saldo calcolato secondo le nuove aliquote definite dai comuni. La fine del mese è anche il termine ultimo entro il quale le imprese edili e le industrie possono fare richiesta all’INPS di accesso alla cassa integrazione per eventi oggettivamente non evitabili.

Scade a fine febbraio anche il termine per la stampa e la compilazione del libro unico del lavoro e quello per aderire al servizio di consultazione e di acquisizione delle fatture elettroniche.

Dal momento che il 28 febbraio cade di domenica, il termine per tutti questi adempimenti slitta automaticamente a lunedì 1 marzo.