Scadenze fiscali di luglio

Le proroghe decise dal governo hanno rivoluzionato il calendario fiscale del mese di luglio.

Redazione MondoPMI
0
0
scadenze fiscali

Il mese di luglio è scandito da diverse scadenze fiscali, tra imposte sui redditi e versamenti INPS.

 

Banca Ifis

 

Calendario fiscale di luglio: le date da ricordare

Si parte il 10 luglio, giorno entro il quale i datori di lavoro devono versare la seconda rata dei contributi per colf e badanti. Il versamento va fatto con cadenza trimestrale e fa riferimento al secondo trimestre dell’anno.

Il 15 luglio torna il consueto appuntamento mensile con la fatturazione differita da parte dei soggetti IVA e con la registrazione dei corrispettivi relativi al mese di giugno da parte delle associazioni senza scopo di lucro e in regime agevolato.

Il 16 luglio è la data in cui si concentrano numerosi adempimenti. Come di consueto, il 16 del mese è il giorno in cui i sostituti d’imposta devono procedere al versamento delle ritenute operate nel corso di mese di giugno. Nella stessa data i soggetti passivi IVA devono versare l’imposta mensile, mentre i contribuenti IVA che hanno chiesto la rateizzazione del saldo 2020 devono procedere al versamento della quinta rata. Entro il 16 luglio va anche versata l’IVA calcolata sulle operazioni fatte in regime di split payment. Il 16 luglio scade inoltre il termine per il versamento della rata mensile dovuta da chi ha richiesto la sospensione del versamento dei contributi fiscali e previdenziali a causa dell’emergenza sanitaria. Lo stesso giorno chi effettua delle locazioni brevi deve versare all’Erario la ritenuta del 21% sui canoni incassati nel corso del mese di giugno. Le imprese di assicurazione devono poi versare le ritenute alla fonte operate sulle polizze vita riscattate o scadute a giugno e stipulate prima del 2001. Le società di capitali e gli enti pubblici e privati devono infine versare le ritenute operate sui dividendi pagati ai soci nel secondo trimestre del 2021.

Entro il 23 luglio i CAF e gli intermediari abilitati devono presentare all’Agenzia delle Entrate i modelli 730 per i quali è previsto un rimborso a favore del contribuente.

Il 26 luglio è il giorno in cui vanno presentati gli elenchi INTRASTAT. Questa scadenza interessa sia i contribuenti che sono tenuti alla presentazione mensile degli elenchi sia i contribuenti che devono eseguire la presentazione con cadenza trimestrale.

Il 31 luglio va presentata all’INPS la domanda per la cassa integrazione ordinaria per “eventi oggettivamente non evitabili” che si sono manifestati nel corso del mese di giugno. Entro la fine del mese di luglio vanno versate anche le rate relative alle iniziative Saldo e stralcio e Rottamazione ter delle cartelle esattoriali.

Per effetto della proroga decisa dal governo è stato spostato al 20 luglio il termine entro il quale versare le imposte sui redditi, mentre slitta dal 20 luglio al 20 agosto il termine per il versamento di imposta sostitutiva, IRPEF, IRES e IRAP con una maggiorazione dello 0,40% a titolo di acconto 2021 o di saldo 2020. La proroga interessa le partite IVA in regime forfettario e le partite IVA a cui si applicano gli indici ISA.