Scadenze fiscali di settembre 2021

Si parte il 2 settembre e si chiude l’ultimo giorno del mese. Ecco le date da ricordare, per imprese e contribuenti individuali.

Redazione MondoPMI
0
0
Scadenze fiscali di settembre

Adempimenti periodici e ripresa dei versamenti sospesi per Covid nel calendario di settembre.

 

Banca Ifis

 

I principali adempimenti fiscali di settembre

Oltre agli adempimenti periodici che si ripetono regolarmente durante l’anno, come i versamenti IVA e il pagamento delle imposte sui redditi, il mese di settembre 2021 è caratterizzato dalla ripresa di alcuni pagamenti che nei mesi scorsi erano stati sospesi a causa della pandemia e da adempimenti previsti per chi desidera aderire alle misure di sostegno introdotte nel corso degli ultimi mesi.

 

Le date da ricordare

Si parte il 2 settembre, con la presentazione delle domande per l’accesso al contributo a fondo perduto alternativo introdotto dal decreto Sostegni bis a favore delle attività stagionali. Il contributo mira a sostenere le imprese che hanno avuto una perdita di fatturato di almeno il 30% nel periodo aprile 2020-marzo 2021 rispetto al fatturato del periodo aprile 2019-marzo 2020.

Il 6 settembre è fissata la scadenza per la richiesta del contributo a fondo perduto previsto in caso di riduzione dei canoni di locazione.

Entro il 10 settembre le aziende che vogliono richiedere il contributo perequativo previsto dal DL Sostegni bis devono presentare la propria dichiarazione dei redditi per l’anno fiscale 2020. A differenza degli altri contributi a fondo perduto, basati sulla perdita di fatturato, il contributo perequativo tiene conto del peggioramento del risultato d’esercizio.

Il 15 settembre scade il termine entro il quale i soggetti a cui si applicano gli ISA, i soggetti in regime forfettario e chi è in regime di trasparenza fiscale devono versare il primo acconto o il saldo delle imposte sui redditi, dell’IRAP e dell’IVA. Per gli stessi soggetti è fissato al 16 settembre il termine per il versamento della seconda rata.

Il 16 settembre c’è il consueto appuntamento con il Fisco per il versamento dei contributi INPS, con il versamento dell’IRPEF e con la liquidazione dell’IVA del secondo trimestre.

Il 25 settembre i contribuenti mensili sono tenuti alla presentazione degli elenchi INTRASTAT periodici.

Infine, il 30 settembre scade il termine per la presentazione della domanda per richiedere l’esonero dei contributi INPS e il termine entro il quale va versata l’imposta di bollo sulle fatture elettroniche. L’imposta sulle fatture elettroniche è dovuta se il suo importo è superiore a 250 euro; in caso contrario, la scadenza per il versamento viene rinviata al trimestre successivo.

Riprendono il 30 settembre anche i pagamenti delle cartelle esattoriali sospese per Covid e la cui scadenza era compresa tra marzo e agosto. Nello stesso giorno vanno versate le rate di pagamento previste nell’ambito delle misure di Saldo e stralcio e Rottamazione ter.