Sempre più giovani le startup innovative

Molti Under 35 ma poche donne. Piace molto la tecnologia.

Redazione MondoPMI
0
0
startup-innovative

Continua a crescere il conteggio delle startup innovative nel registro apposito istituito nelle Camere di Commercio di tutto il paese.

Al 31 marzo, infatti, il numero totale delle registrazioni è pari a 5.439, quasi 300 unità in più (+5,8%) rispetto all’ultimo mese dello scorso anno. In dati assoluti, le startup innovative sono ancora una goccia in mezzo all’oceano, rappresentando circa lo 0,35% dell’oltre un milione e mezzo di società di capitali italiane.

Le oltre 5mila imprese innovative registrate, hanno un capitale sociale medio di circa 51mila Euro, dato in aumento del +7,3% rispetto alla rilevazione precedente. La voglia di scommettere su queste realtà sembra quindi viva, soprattutto nei settori tecnologici: sono, infatti, la produzione di software, la consulenza informatica e le attività di R&S i campi in cui le startup si concentrano maggiormente. Il 72% delle startup iscritte al registro ha come oggetto della propria attività la fornitura di servizi alle imprese, il 18% opera in settori industriali come la fabbricazione di computer e prodotti elettronici e il 4,2% opera nel commercio.

Quello che maggiormente colpisce, però, è la composizione di queste società: la startup sembra essere una “roba da uomini”. Solo il 13,4% del totale ha un’organigramma a prevalenza femminile contro la media nazionale delle società di capitali che arriva al 16,7%; se in questa lista si inseriscono le imprese con almeno una presenza femminile il totale sale al 44,4% contro una media del 49,9%.

Ma sono i giovani Under 35, i protagonisti dell’innovazione odierna: quasi 1 società su 4 ha prevalenza di giovani nella compagine societaria contro una media nazionale del 6,4%. Se si prende in considerazione le startup che abbiano almeno un giovane nell’organigramma la percentuale sale al 38,8% contro il 13,1% della media delle società di capitali.

A livello regionale, la Lombardia guida la classifica con 1183 startup innovative (21,8% del totale) seguita da Emilia Romagna, Lazio, Veneto e Piemonte. Capovolgendo l’elenco, dal fondo troviamo le regioni italiane più piccole a partire dalla Valle d’Aosta poi Molise e Basilicata.

Image Credit: shutterstock