Start up innovative: le principali novità previste per il 2017

Detrazioni Irpef al 30%, creazione a costo zero e cessione perdite a società sponsor.

Redazione MondoPMI
0
0

La Legge di stabilità 2017 ha introdotto alcune novità in materia di start up innovative. Sono state potenziate e ampliate le agevolazioni previste per coloro che vogliono avviare e far crescere un’impresa di questo tipo.
Vediamo insieme le principali novità.

Detrazioni Irpef pari al 30%

Tali detrazioni sono da calcolare su un tetto di investimento massimo di 1 milione di euro. Si tratta di valori maggiori rispetto a quelli previsti lo scorso anno quando l’aliquota era fissata al 19% e il tetto massimo ammontava a 500.000 euro. Anche per le imprese è prevista la possibilità di usufruire di una detrazione del 30% calcolata su un tetto massimo di 1 milione ed 800.000 euro. Per poter usufruire della detrazione al 30%, chi investe deve mantenere le quote in proprio possesso per almeno 3 anni, in caso di cessione delle quote prima di tale periodo, si assisterà ad una decadenza del beneficio per il cessionario che dovrà inoltre versare quanto precedentemente detratto.
Tale novità dovrebbe essere immediatamente esecutiva per tutti gli investimenti con data successiva al 1° gennaio 2017.

[BannerArticolo]

Possibilità di creare start up innovative a costo zero

L’atto costitutivo è esonerato dal pagamento di imposte di bollo e diritti di segreteria. La costituzione della start up può avvenire in formato elettronico tramite atto con firma digitale o con firma elettronica avanzata autenticata. Oltre al risparmio economico, tale procedura prevede anche un risparmio in termini di tempo con una forte semplificazione derivante dallo svolgimento on-line della procedura. Tale procedura è comunque volontaria, resta infatti valida la possibilità di costituire una S.r.l con atto pubblico standard ed iscriverla poi al Registro delle imprese nella sezione speciale;

Possibilità di cessione delle perdite a società sponsor

Una società quotata che detiene almeno il 20% delle quote di una start-up innovativa, può farsi carico delle perdite registrate da questa per i primi 3 esercizi. Per accedere a tale agevolazione, è necessario che la cessione coinvolga l’intero importo delle perdite fiscali e deve avvenire entro la scadenza ultima di presentazione della dichiarazione dei redditi. Le modalità sono le medesime previste per la cessione dei crediti d’imposta e la cedente non deve svolgere attività immobiliare. La società sponsor potrà vedere detratte le perdite di cui si fa carico grazie alle agevolazioni previste nel primo punto e dovrà remunerare la start-up del vantaggio fiscale di cui gode grazie a tale sponsorizzazione.

Affinché tali agevolazioni entrino effettivamente in vigore, bisognerà aspettare il parere favorevole della Commissione Europea.

Ti è piaciuto questo articolo? Nella nostra newsletter trovi tutte le notizie più interessanti della settimana per il Mondo delle PMI in unico contenitore.

>> Clicca qui per iscriverti <<

Image credit: shutterstock